Giovedì, 29 Ottobre 2015 19:09

Italia sul web: scopriamo la reputazione dopo l'Expo In evidenza

Scritto da
Vota questo articolo
(1 Vota)

Quest'anno, EXPO Milano 2015 ha attirato tantissimi visitatori e riscosso il suo successo. Ancora l'evento non si è concluso, ma è già tempo di bilanci, riflessioni e analisi. Così, "Aida Partners Ogilvy PR" ha deciso di commissionare a Web-research.it la "sentiment analysis" per capire cosa pensano gli utenti del web riguardo il nostro Paese e se i pareri sono cambiati dopo l'esperienza EXPO non ancora volta al termine.

Web-research.it si occupa da tempo di questo tipo di analisi e, per quanto riguarda l'Italia, ha avuto a che fare con oltre 3,7 milioni di pareri in diverse lingue, registrate sia prima dell’apertura di EXPO che dopo tre mesi di evento. Quali sono stati i risultati? Scopriamo qual è la "online reputation" dell'Italia.

Innanzitutto, da dove vengono questi pareri analizzati da Web-research.it? Iniziando con le percentuali, diciamo che gli italiani non si sono assolutamente dimenticati di commentare e, perciò, i nostri commenti si identificano nel 76,37%, ovvero 3/4 delle opinioni totali. I pareri in inglese hanno raggiunto la percentuale di 8,47%, quelli in spagnolo sono arrivati al 7,31%, mentre quelli in tedesco al 4,74% e in francese al 3,11%. Diciamo quindi che i risultati dell'analisi sono incentrati soprattutto su quello che gli utenti web italiani pensano di EXPO e dell'Italia post-EXPO. Inutile dire che il popolo italiano di internet si è mostrato come sempre un po' negativo e critico. Infatti, prima dell'apertura dell'evento di Milano sono stati registrati diversi pareri polemici (che hanno raggiunto il 55%), e lo stesso è accaduto dopo i primi mesi di EXPO (i commenti polemici hanno rappresentato il 44%). Tuttavia, man mano che l'evento si è protratto, le opinioni degli italiani sul web hanno continuato a cambiare: nel bimestre marzo-aprile, il 21% dei commenti italiani erano positivi, mentre il 47% erano decisamente l'opposto...

Probabilmente, questo dissenso ce lo aspettavamo, ma possiamo dire che, al di fuori dei nostri confini, la reputazione dell'Italia dopo l'EXPO non è così male. Infatti, a marzo il 20,74% dei pareri in altre lingue mostrava un forte interesse positivo per l'Italia e l'EXPO. A luglio-agosto, questa percentuale è salita al 79,26%. Inoltre, è interessante sapere che la maggior parte di conversazioni sui forum dei web o su altri contenuti riguardanti l'EXPO (in altre lingue) hanno dei titoli lusinghieri, che lasciano trasparire la stima nei confronti della nostra penisola a prescindere dall'evento di Milano in sè per sè. Gli ultimi risultati delle analisi hanno registrato un 53% di pareri positivi contro un 5% di feedback negativi. 

Perciò, al di fuori del nostro territorio, gli utenti del web sono stati decisamente molto meno polemici. Tuttavia, è utile sapere che, alla fine, anche le opinioni degli italiani per tutto ciò che riguarda Italia/EXPO sono un po' migliorate. Infatti, le ultime analisi registrano un rialzo dei feedback positivi (fino al 44%) e una riduzione dei commenti negativi (che sono scesi fino al 22%). Per quanto riguarda i feedback in altre lingue, l'approvazione per l'Italia e l'EXPO continuano attualmente a salire di un ulteriore 10%, mentre la disapprovazione continua a scendere toccando percentuali decisamente basse.

Ad ogni modo, tutto è andato bene e Gian Marco Stefanini di Web-research.it afferma che 9 visitatori EXPO su 10 hanno lasciato un feedback positivo, e i pochi visitatori che hanno lasciato un feedback negativo sono stati per la maggioranza italiani! Sembra proprio che l'Italia sul web (e non solo) non abbia apprezzato completamente l'EXPO ma, tirando le somme, possiamo comunque fare un bilancio positivo riguardo l'evento, almeno per quanto riguarda i visitatori provenienti dall'estero.

Se avete gradito questo post condividete sui social network e seguite needweb per essere sempre aggiornati, grazie ;)
Letto 281 volte Ultima modifica il Mercoledì, 04 Novembre 2015 18:12
Altro in questa categoria: « Cosa fare la notte di Halloween